Pubblicato in: random, randomizzando, Senza categoria

Leggo i miei lettori + scleri pre-esame

Buonasera ragazzuoli spelacchiati del mio cuoricino nero e tenebroso, come state?

Io sto sclerando come l’australopiteco impazzito che sono, ho le budella attorcigliate con doppio nodo da marinaio perché ho scoperto -dato che sono un’imbecille- due giorni prima dell’esame che sarà tutto orale e quindi ciò che ci avrebbero fatto fare in cinque pagine di grammatica scritta + produzione sarà tutto condensato in venti minuti di orale.
Ora la domanda è: vado di veleno, di impiccagione o mi pianto un coltello nel petto?
Attendo i vostri consigli, grazie.


Dato che sono in questo mood di totale ansia e panico e penso che l’unica cosa che possa fare è prendere il primo volo per il Messico volevo proporvi una cosa un po’ diversa che renda voi Spelacchiati un po’ protagonisti: vorrei che mi linkaste nei commenti gli articoli dei vostri blog di cui siete più orgogliosi! Avete carta bianca, anzi bianchissima, però ci tengo a leggervi quindi potete mandarmi il post che per voi è stato il più difficile da scrivere, o quello che vi ha divertiti di più o quello che secondo voi ha il messaggio più importante… Insomma, quello che volete! E ovviamente sarebbe carino se vi leggeste un po’ anche tra di voi, una piccola community spelacchiata insomma.
Attendo impazientemente i vostri articoli, se vi va di condividerli con me, così mi terrete compagnia nelle notti insonni e nelle pause studio (non che farò pause studio, sono così terrorizzata che andrò avanti a leggere testi in tedesco per 72 ore).
Insomma, pronti, partenza, VIAAAAA LINKATE TUTTO, ANCHE VOSTRA MADRE!

Hasta la pasta!

Pubblicato in: random, randomizzando, Senza categoria

Gita al SafariPark di Varallo Pombia: foto e selfie.

Buongiorno miei cari spelacchiati, come state oggi?
Io male. Il ritorno alla vita normale non mi aggrada, voglio tornare a trincerarmi in casa e non vedere altri esseri viventi al di fuori del mio cane per il resto dei miei giorni.
Voglio una vita di isolamento e solitudine, tipo suora ma senza pregare, senza convento e senza astinenza sessuale obbligatoria.
Ovviamente sto studiando come se non ci fosse un domani -la sessione estiva è così vicina che mi sta venendo un attacco di panico solo a pensarci- credo che la mia mutazione in Leopardi stia avvenendo: entro due settimane conto di avere la gobba che Quasimodo in confronto era una persona dalla postura invidiabile.
Datemi un campanile e campanilerò il mondo.

Qualche settimana fa, appena hanno riaperto le gabbie, io e una delle mie migliori amiche abbiamo deciso di prenderci una giornata di relax e animaletti dunque siamo partite alla volta del Safari Park di Varallo Pombia che è a due passi da dove abitiamo.
Premessa doverosa:
Io non ci mettevo piede da almeno quindici anni, al Safari Park, ma visto che il Covid ha messo in ginocchio anche questo tipo di strutture e che dalla pagina facebook la struttura stessa chiedeva aiuto perché non riuscivano nemmeno a sfamare gli animali, ci siamo dette di provare e dare un’occhiata sperando che la visita non ci intristisse troppo perché né io né lei siamo amanti degli animali in cattività e comunque di dare una piccolissima mano nel pagare tutte le spese sicuramente enormi che hanno.
Devo dire che mi ha lasciata meno triste e desiderosa di liberare tutti gli animali del mondo di quanto mi aspettassi: soprattutto gli erbivori hanno una zona veramente ampia in cui pascolare, corricchiare, rotolarsi, mangiare e fare più o meno il cazzo che vogliono; non sembravano neanche particolarmente infastiditi dalle automobili, suppongo ormai siano abituati, a parte una tigre che a un certo punto era così incazzata che è dovuto intervenire un ranger.
Insomma, se avete parchi e strutture che di solito evitate forse questo è il momento di dargli una seconda possibilità e cercare di dare una mano anche solo pagando il biglietto, che ne dite?

Vi lascio ora a una carrellata di selfie.

Questa sono io quando sento cose tipo “All lives matter mica solo quelle nere!!!”, “prima gli italiani”, “Sara basta col caffè”, “ma non è un po’ corto quel vestito?”, “signorina accetta un 20 o vuole riprovare al prossimo appello?”.

Questo è lo sguardo perso e rassegnato che mi viene mentre guardo i Film Brutt chiedendomi cosa mi sia passato in testa quando ho iniziato quella rubrica.

Qui sopra invece potete osservare me mentre inizio a battagliare nella mia mente con qualunque essere mi infastidisca.

Io qualche anno fa quando “Sara devo dirti una cosa… ho conosciuto una ragazza…”

Io tranquilla e serafica che mi chiedo perché al mondo sembra che io porti un’armatura.

Io immersa nella merda fino al collo che osservo la sessione estiva avvicinarsi rapidamente.

Io che cerco di mimetizzarmi per passare inosservata nei restanti anni della mia esistenza deprecabile.

Io come Scar che penso costantemente “sono circondato da idioti”.

Direi che la carrellata di foto brutte è finita!
Conclusioni… Allora. Mi è piaciuto abbastanza, gli animali mi sembravano curati e tranquilli nelle loro ampie aree, il personale faceva rispettare le norme di distanziamento sociale e in generale siamo state tutta la giornata a spupazzare cavalli e guardare animali liberi passeggiare intorno alla macchina.
Inoltre abbiamo assistito ad una dimostrazione di volo con i rapaci (veramente bellissimo) e con un leone marino simpaticissimo (ecco, il leone marino sono esattamente io: grassoccio, tozzo, apparentemente tonto…) che è stata la parte che forse più mi ha intristita. So che certi animali hanno bisogno di stimoli anche mentali e imparare cose nuove li aiuta a svilupparsi, però mi ha messo un po’ di malinconia.

Voi come state, miei cari Spelacchiatini? Cosa mi raccontate di bello? Avete vissuto anche voi qualche avventura o riscoperto qualche posticino? Cosa pensate dei parchi faunistici? Pensate che gli animali vadano bene solo per le pellicce e la carnazza o dareste la vostra anima in cambio della vita di un cucciolo di pantegana?
Narratemi tutto, che leggere i vostri commenti è ormai diventato il mio hobby preferito&pprincipale!

Hasta la pasta

Pubblicato in: film, Senza categoria

Film Brutt: Brittany runs a marathon

No ragazzi io con questo film ho davvero sfiorato un esaurimento nervoso.
Ero a tanto così dal lanciare tutto.
“Brittany runs a marathon” (lo trovate su Prime Video), del 2019 diretto da  Paul Colaizzo, mi ha portata al limite; se da un horror posso accettare una sceneggiatura pessima, in quella che dovrebbe essere una brillante dramedy non posso soprassedere.
Dunque non mi resta che incazzarmi come un piccione scacciato da una fetta di pizza.

Brittany non si ferma più - Film (2019) - MYmovies.it

Il film parla di questa ragazza, Brittany, 28 anni, disoccupata, beve un sacco ha una vita sregolata ed è in sovrappeso; la prima riga della trama su Prime Video è questa:
“Esilarante ed estroversa, Brittany Forgler è la migliore amica di tutti tranne che di sé stessa.”
Posso dire una cosa spoiler? Lei non è la migliore amica di nessuno, è una fastidiosissima persona con cui non si può fare una conversazione normale perché ha la maturità di un macaco che ha preso una botta in testa.

Ma iniziamo col film, c’è lei che lavora all’ingresso di un teatro o qualcosa del genere e lei passa il suo tempo facendo l’idiota.
CIOE’ LEI SUL POSTO DI LAVORO SI METTE A CANTICCHIARE, A FARE BATTUTE CRETINE CON I CLIENTI CHE VOGLIONO SOLO ENTRARE A SEDERSI, C’E’ LA CAPA CHE A UN CERTO PUNTO VUOLE FARLE UN DISCORSO SERIO E LEI SI METTE LO SCOTCH SUL NASO PER IMITARE UN MAIALE, MA COSA STRACAZZO MI STO GUARDANDO IO IN UN SABATO SERA GIA’ DI PER SE’ TRISTE E DEPRIMENTE?!
LA CAPA E’ Lì A DIRLE CHE E’ SEMPRE IN RITARDO, TUTTI DEVONO FARE GLI STRAORDINARI PERCHE’ LEI E’ UN INCAPACE E COSA FA? Fa finta di ricevere una chiamata, si mette un volantino a mo’ di cornetta e fa una battuta di merda.
Ora.
Io, così, di primo acchito, ti tirerei una testata così forte, ma così forte Brittany che come minimo finisci in Papua Nuova Guinea. MINIMO. COGLIONAAAAAAA

Ah, questi erano i primi cinquanta secondi di film. Letteralmente.

Per farci capire che lei è una persona meravigliosa ci fanno vedere che mentre cammina per strada strafogandosi di schifezze si ferma per fare una smorfia a una bambina, facendola ridere.
Anche io faccio smorfie ai bambini. Di solito non è per farli ridere ma per esprimere la repulsione e il disgusto che mi provoca guardarli, ma è la stessa cosa no?

La nostra Brittany va dal medico -anche qui scenette che volevo piantarmi una forchetta nel palmo della mano così che il dolore all’arto mi potesse distrarre dal dolore al cervello, vi dico solo che lei a un certo punto troverà ilare mettersi il camice al contrario con sommo imbarazzo del medico- e il responso è che lei è obesa e deve dimagrire se no il suo fegato la abbandonerà presto.
Parbleau, grande sorpresa sugli spalti neh?
Non che sia una bella cosa da sentirsi dire, lo capisco, ma se sei più larga che alta e hai un quoziente intellettivo verosimilmente umano forse ti aspetti delle ripercussioni fisiche, no? Poi se vuoi sciaquarti le balle di questa diagnosi e continuare a mangiare gelato col mestolo per me non c’è problema, però bisogna essere onesti. 

Decide dunque di iscriversi in palestra, va a parlare con il personal trainer che le dice che il costo minimo è 130 dollari e lei sclera: parte con uno sproloquio sul fatto che la gente può rimettersi in forma gratuitamente in strada dicendo una cosa tipo “quello costa zero mentre da voi 130 dollari, vi rendete conto?” SCUSAMI TANTO CARA MA ALLORA VAI, NO? VAI E CORRI, FORREST GUMP DI QUESTO GRANDISSIMO CAZZO, VAI A CORRERE SOTTO LA PIOGGIA, VAI A CORRERE CON LA NEVE, VAI A CORRERE QUANDO CI SONO SETTECENTONOVANTA GRADI CENTIGRADI E NON ROMPERE I COGLIONI A CHI STA FACENDO IL SUO LAVORO! SE E’ LA STESSA CAZZO DI COSA PRENDI LE TUE ZAMPETTE E CORRI IN MEZZO A NEW YORK, TANTO SARA’ PIENO DI PARCHI E NON MORIRAI RESPIRANDO LO SMOG DI MILLE MILIARDI DI AUTO, VAI TRA!
E’ OVVIO CHE SI PUO’ FARE ATTIVITà FISICA A COSTO ZERO MA LA PALESTRA E’ COMODA, COSA CAZZO VUOI? CHE RAGIONAMENTO E’ IL TUO?
Posso anche spendere un euro e trenta per cenare con pasta e tonno, ma devo andare in tutti i ristoranti del mondo a farglielo notare o sono abbastanza furba da non scassare le sacche scrotali al prossimo?
Nessuno ti costringe a fare un abbonamento, cosa rompi le palle a quel povero allenatore! Ma perché nessuno la manda affanculooooooooooo

Va beh la sera ha un crollo emotivo e piange così tanto che la sua vicina del piano di sotto -che Brittany fin’ora ha insultato ogni scena perché lei a differenza sua fa jogging ed è in forma- va a chiederle cosa succeda e cominciano a parlare e Brittany, CHE VI RICORDO DOVREBBE ESSERE LA PERSONA PIU SIMPATICA E BUONA DEL MONDO, le fa “la tua vita è facile della mia, non mi serve la tua pietà”.
S C U S A M I?
Ma io altro che testata, io ti lancio un coltello al cuore.
MA COSA MINCHIA NE SAI DELLA MIA VITA, MA COME TI VIENE IN MENTE DI DIRE UNA COSA DEL GENERE, MA COSA CAZZO VUOI DA TUTTO IL MONDOOOOOOO MADONNA BRITTANY SPUTA IN ARIA E ASPETTA CHE LA TUA SALIVA TI RICOLPISCA!
E infatti quella, gentile fin oltre l’umanamente comprensibile, le fa che sta divorziando e ha situazioni di melma anche lei. Madonna mia, ma cosa dai spiegazioni a questa capra…

Saltiamo cose se no non finisco più ragazzi, perodnatemi.
Si unisce al gruppo di corsa collettiva della sua vicina (boh) e qui conosce Seth.
C’è l’incontro che fa quasi sorridere (dico quasi perché in realtà non è mai divertente questo film, mai, neanche per sbaglio) lui sta praticamente collassando per finire la corsa e spiega che deve  farlo per dimostrare a suo figlio di essere figo così che lui sia fiero del padre.
Il dialogo è il seguente.
“Lo faccio per mio figlio, l’altro giorno mi ha chiesto: ma tu sei la mia mamma’?
” che considerando che Seth è gay mi da già sui nervi così, ma non contenti hanno deciso di rincarare la dose “ma allora perché ti comporti in modo così femminile?”
SCUSAMI?
S C U S A M I?
PRIMA DI TUTTO DA QUANDO SE UNO NON CORRE SEDICIMILA CHILOMETRI AL GIORNO E’ FEMMINILE? MA ANCHE FOSSE COSA C’E’ DI MALE NELL’AVERE DEI TRATTI FEMMINILI? MA POI COSA CAZZO VUOI BAMBINO DI MERDA?

A me queste frasucole da quattro soldi danno sui nervi, mi sento proprio pulsare la vena sulla tempia quando le sento perché PER GIOVE possiamo piantarla? Ma sentite davvero il bisogno di infilare queste battutine perché se no non sapete far ridere?
Possiamo smetterla di pensare che un uomo con atteggiamenti non canonicamente virili sia da deridere? Madonna che sberle a tutti, personaggi, sceneggiatori, me stessa che ho aperto questo film, TUTTI.

ANDIAMO AVANTI SE NO SCLERO MALE, questi corricchiano, scorirbandano qua e là, ‘na rottura de cojoni assolutamente INUTILE.

Brittany comincia a perdere chili su chili, diventa sempre più in forma e decide anche di provare a trovarsi un lavoro.
Sarà un lavoro vero? Qualcosa di umile tipo cassiera, addetta vendite, roba per cui non ci vuole una laurea ma è un lavoro dignitoso?
No.
Si propone di fare la babysitter.
La tipa le chiede “potresti farmi vedere come si pratica la CPR?” e lei non sa neanche cosa sia e sembra che le abbia chiesto una cosa assurda.
Ora.
Tu vuoi avere la responsabilità di un infante e non sai neanche cosa fare in caso di emergenza, ma non ti senti una deficiente già così? Io non ti affiderei neanche un Cicciobello, e io odio Cicciobello.

Per dimostrarci ancora un po’ quanto sia una persona pessima, trova lavoro come pet sitter e mentre i padroni vanno in vacanza lei deve andare a casa loro e occuparsi di un cane.
Occuparsi del cane, ripeto.
E quindi giustamente nella scena dopo la vediamo suonare il loro pianoforte, indossare le loro pellicce, saltare sul loro letto, mangiare il loro cibo…MADONNA MA IO TI RIEMPIREI DI BOTTE, te la faccio fare a calci la maratona! SEI UN CAZZO DI PARASSITAAAAA DOVEVI ESSERCI TU NEL FILM DI BONG JOON HO! 

E per di più anche il tipo che dovrebbe stare a casa di questi qui la notte fa la stessa cosa, si è insediato lì e vive a scrocco nella casa vuota E LORO SI INNAMORANO! MA COSA STO GUARDANDO, QUESTO E’ NATGEOQUALCOSA E QUESTO E’ L’INNAMORAMENTO DI DUE SCARABEI STERCORARI!? E SI METTONO A VIVERE Lì! A CASA DI QUELLI CHE LI PAGANO COME PET SITTER! MA VOI SIETE MALATI

Va beh, saltiamo scene, saltiamo scene, lei litiga e tratta tutti male quindi mangia quindi va a correre circa settanta ore al giorno e si fa male alla caviglia quindi non può partecipare alla maratona, va a stare a casa della sorella e di suo marito che si è sempre occupato di lei.
Festa di compleanno di Demetrius, arriva una coppia: lei in sovrappeso, lui no.
E Brittany fa una scenata orribile in cui umilia la donna dicendole che è obesa, coperta di rotoli di grasso, che il suo fidanzato non la può amare e che tutti li giudicheranno ma non avranno il coraggio di dirglielo in faccia.
Brittany, ma prendi il primo Frecciarossa che trovi e vattene affanculo!
Ovviamente lei dice quelle cose perché le pensa di sé stessa ma se questa dovesse essere la tua giustificazione nella vita vera avresti quantomeno un occhio nero, cara.
Discorsone motivazionale con il marito della sorella che le dice che deve smetterla di essere così orgogliosa e permettere alle persone di starle accanto, aiutarla e amarla, e poi Britt, top codarda, manda un mazzo di fiori a quella che ha insultato chiedendole scusa, quella le risponde tutta gentile, insomma tutt’appost.

Torna a casa, fa pace con tutti, trova lavoro, si mette col tipo con cui ha invaso la casa facendo da dog sitter, vive da sola, trova lavoro, corre la maratona un anno dopo e insomma va tutto meravigliosamente bene, tranne a me che ho un tic all’occhio e vorrei bermi della candeggina.

FINE.

A parte la protagonista fastidiosissima è proprio la storia a non piacermi, è una roba già vista e rivista: personaggio grasso, fallimentare, triste e solo comincia a fare uno sport, dimagrisce senza enormi sforzi e magicamente diventa una persona di successo e piena di supporto.
Ora, capisco che le cose possano essere collegate, per carità, fiducia in sé stessi, bla bla bla, però cazzooooo possiamo trovare nuovi spunti nel 2020 per fare film?! Por favor?
Ma poi io non ho visto la minima fatica di Brittany a dimagrire, io penso che per una persona in forte sovrappeso sia molto più difficile di così perdere chili su chili… Boh va beh io questo personaggio l’ho odiato e a ripensarci mi sale la bile, vado a guardarmi qualcosa di più divertente tipo tagliarmi un dito.

Voi ragazzuoli miei come ve la passate? Cosa combinate? Avete mai corso una maratona o le uniche della vostra vita sono quelle di serie tv?
Io ormai anziana visto che ho compiuto 26 anni mi ritiro per deliberare.
Hasta la pasta!

Pubblicato in: random, Senza categoria, tag a caso

(Post)Quarantena tag

Buonasera miei Spelacchiatissimi amici, come state?
Ho visto questo tag mi pare sul canale di Matteo Fumagalli e ho deciso di farlo nonostante la quarantena sia finita, fate conto che le domande si riferiscono al lockdown!

1. Da quanti giorni sei in casa?
Mi sono fatta tutta la fase 1 chiusa in casa come un topo ed è stato il periodo più bello della mia vita. Da quando hanno aperto i cancelli dell’ovile sono uscita solo due volte ma ahimè giovedì prossimo sarà il mio compleanno quindi dovrò sicuramente mettere il muso (mascherato) fuori di casa… Ridatemi l’obbligo di clausura, vi prego.

2. Come stai passando queste giornate?
Per lo più leggendo, preparando dolci e cercando di allenarmi con costanza D’Altavilla
Ma l’attività principale è rompere i coglioni ai miei genitori, che a loro volta li rompono a me che dunque mi sento in diritto di ri-romperli a loro… è un ciclo continuo.
Il cerchio della vita. Ora capisco cosa voleva dire Mufasa.

3. Con chi parli più spesso su whatsapp?
La mia psicologa.
Nah, non è vero. Visualizza e non risponde.
Mah penso mia sorella, che vive in Svizzera col suo fidanzato e non torna da mesi quindi ci tengo ad aggiornarla sugli scleri della famiglia.

4. Serie tv da consigliare?
Una serie fantastica, si chiama “Fatevi i cazzi vostri, statevene a casa e non rompete li collioni”.
Stasera sono uno spasso vero? Se volete venire a picchiarmi scrivetemi in privato e vi dò l’indirizzo, so di meritarmelo.
Serie tv da consigliare… Non ho guardato niente a puntate perché non ero né in vena (né in arteria), che vi devo dire.

5. Dai 3 consigli su come passare il tempo in casa a chi ti segue
Okay, qua facciamo i seri:
– smetti di seguirmi
– cerca blog più simpatici
– leggili

6. La tua Crush di questa quarantena?
Non posso dirlo regà che imbarazzo… L’ho citato qualche post fa però.
Se qualcuno è di Roma e vuole offrirmi un posto letto vengo subito, poi parte lo stalkeraggio selvaggio.

7. Chi sarà la prima persona che vedrai appena finirà tutto?
E’ stato quel PIRULO del mio miglior amico, l’unica persona al mondo che avevo davvero voglia di vedere dopo il mio pusher di fiducia ma questa è un’altra storia

8. Quale sarà la prima cosa che farai?
UNA BIRRA ALLA SPINAAAAAAAAA DATEMI DEL LUPPOLO

9. La seconda?
Un’altra birra.
Scherzo, dai, un gin tonic.

10. Il primo posto in cui andrai?
Suppongo che in molti mi manderanno in un certo posto ma io sono una piccola anarchica quindi andrò in qualche parco a leggere e far finta di studiare.

11. Il primo negozio in cui metterai piede?
Considerando che non ho il becco d’un quattrino per un bel po’ mi terrò lontano da ogni negozio, quelli in cui vorrei entrare sono: Sephora (ragazzi ma la nuova palette della Too Faced quanto è bella?), Zara e IBS.
(Chiunque voglia farmi dei regali è cortesemente pregato di farlo, grazie.)

12. Con chi andrai a cena fuori la prima volta?
Non ne ho la più pallida idea, conoscendomi andrò con me stessa e sarà un appuntamento molto deludente.

13. Il primo viaggio che vorrai fare?
Alloooora considerando che ho una voglia di viaggiare incredibile mi piacerebbe girovagare un po’ per le città italiane quali Bologna, Roma, Firenze e Venezia.
Non avendo un tallero bucato tutto quello che vedrò sarà la campagna novarese, probabilmente mi lancerò in una risaia.

14. Il primo drink che berrai?
Mi sembra di ripetermi ormai

15. Cosa hai imparato in questi giorni?
Che sono una persona ancora più ignobile di quanto pensassi, e credo sia la cosa più vera e seria che ho scritto finora.
Ma ho imparato anche che l’incavo del ginocchio si chiama cavità poplitea.

Il tag è finito, ragazzuoli cari, e spero vi sia piaciuto! Ovviamente se anche voi decidete di rispondere alle domande potete (e dovete) linkarmele o rispondere nei commenti, io vi scruto tutti, sempre, come una poiana. (Non so se le poiane siano famose per scrutare le cose ma suonava bene)
Voi come state invece? La fase 2 vi ha già smaronati ampiamente come a me? State tornando ad essere operativi e operosi come delle piccole apette spelacchiate?
Fatemi sapere un po’, così mi tenete anche compagnia nelle mie notti insonni!
Hasta la pasta!

Pubblicato in: random, randomizzando, Senza categoria

Ciance sparse: David Lynch, insonnia e mascherine

Niente, periodo di insonnia nera come un senegalese abbronzato.
Avverto segni di cedimento strutturale, se in giro vedete una povera pazza con un tic all’occhio che prende a testate un palo della luce ci sono alte probabilità che sia io.
Giuro che le ho provate tutte nel corso della mia miserabile vita di insonne: niente caffè, la sera niente coca cola o bevande contenti caffeina, cibo leggero, cibo pesante, cibo indegno, video ASMR (LI ODIO DA MORIRE COSA MI SUSSURRI NELLE ORECCHIE CHE FASTIDIO CI DEVE ESSERE UN GIRONE INFERNALE PER VOI), musica rilassante, suoni bianchi, suoni colorati, musica rock, silenzio, fai una giravolta, falla un’altra volta… Niente.
Sono sveglia come un Beppe.
Un Beppe Grillo per l’esattezza.
Vedete? Io non vorrei fare battute di questo calibro, sono i neuroni che sono fusi ormai.
Sto considerando l’idea di auto-aggredirmi col cloroformio. Mi aspetto in macchina e poi via di panno imbevuto.

Parlando di cose vagamente più serie, ho fatto la mia prima uscita dall’inizio della quarantena ed è stato… Normale. Come se non fossi stata rinchiusa in casa come un roditore qualunque negli ultimi quarantaepassa giorni.
Vi lascio un paio di foto di me e di quel bislacco del mio BFF in versione banditi pronti ad assaltare una diligenza.

In questa uscita ho visto un tizio che aveva la mascherina.
Dove?
In fronte, tipo bandana.
Mi scusi ma lei è un pirata? Sir Francis Drake, vuole per caso assaltare le navi spagnole? Ricorderemo questo giorno come il giorno in cui abbiamo quasi catturato Capitan Jack Sparrow?
Comunque anche io sono insofferente alla mascherina, eh. Per Dio, detesto metterla. Mi affanna, respiro aria calda come se fossi un Berbero del deserto africano e penso di schiattare da un momento all’altro, stecchita sul marciapiede così, in un attimo.
PERO’ SE SOFFRO IO DOVETE SOFFRIRE TUTTI, INFAMI, E VISTO CHE IN FACCIA NON LE VOLETE PROPRIO TENERE QUESTE MASCHERINE POSSO CONSIGLIARVI CON TUTTA LA FINEZZA IN MIO POSSESSO DI INFILARVELE NEL RETTO?
Così, solo perché mi infastidisce vedere nasi sbucare ovunque. Foreste di nasi che spuntano dalle mascherine, ma allora non te la mettere tanto mica vai a sputacchiare addosso alle genti, no? Solo a me irrita vedere nasi dappertutto?

Riprendo il mio proverbiale autocontrollo, scusate.
In realtà ero partita con i migliori propositi, volevo parlarvi di cinema, però questa cosa delle mascherine mi è rimasta sul groppone e mi sono lasciata trascinare.
Dicevamo, cinema.
Sto recuperando la filmografia di un certo David Lynch, può essere che abbiate sentito parlare di lui.
“Eraserhead-La mente che cancella”
Posso esordire con un “porca troia” o è troppo?
Questo film mi ha letteralmente sconvolta.
Diciamo che io partivo un po’ prevenuta, da brava gradassa (ma a chi voglio darla a bere, sono solo grassa) pensavo tutta fiera “ma cosa mai potrà trasmettermi un film degli anni ’80, sono abituata alle peggio cose ormai” E INVECE SBEREQUECK! Horror allo stato brado, ci sono delle scene che mi hanno agghiacciata, altre che mi hanno disgustata e il film in sé è di un disturbante incredibile.
La trama è semplice: il protagonista, Henry, scopre che la sua ragazza è incinta di un bambino e ad un certo punto lui rimarrà da solo a prendersi cura di questo feto che di umano ha molto poco.
Lineare, no?
Neanche per il cazzo, è una serie di scene disturbanti, di voli pindarici assurdi, macabri, pazzi; la scena a casa dei genitori di Mary dà fin da subito l’idea di come sarà il film perché si viene a creare un’atmosfera malsana che ti si appiccica addosso, inquietante e raccapricciante.
Dico solo che a un certo punto, in una specifica scena, mi è letteralmente venuta la nausea, e non so se mi era mai successo prima d’ora.

Altro film è “The Elephant Man”
Qui siamo su tutt’altro genere, sprofondiamo nel dramma con la biografia di un uomo inglese che visse nel 1800, affetto da grottesche deformità a tutto il corpo.
Il commento futile che faccio è: OMG MA QUELLO E’ UN GIOVANISSIMO ANTONY HOPKINS! perché ero basita. Pensavo che Antony Hopkins fosse nato vecchio, che non fosse mai esistito prima de “Il Silenzio degli Innocenti“. Sconvolta già di prima battuta.
In realtà questo film mi ha commossa parecchio, a un livello profondo. Credo sia impossibile guardarlo senza provare una pena estrema per il protagonista, che viene aiutato e seguito da un dottore -interpretato dal caro Antony- e che si commuove ad ogni minimo segno di cortesia nei suoi confronti. Il finale poi, anche se prevedibile, è perfetto.

The Elephant Man: recensione del film di David Lynch - Cinefilos.it
Cioè ma vi rendete conto?

Insomma in questi film il tema del diverso, del mostruoso, della deformità viene spolpato e io con questi argomenti vado a nozze, potendo avrei dei bambini con questi temi perché diciamocelo, tutti vogliamo essere speciali ma nessuno vuole essere diverso.

Penso che farò un post più approfondito su Lynch una volta finita la filmografia, stasera andrò di “Velluto Blu”. Voi cosa ne pensate? Se avete visto “Eraser Head” dovete assolutamente dirmi se anche voi siete rimasti così turbati e se QUELLE SCENE hanno sconvolto anche i vostri stomaci.
Per il resto come state? Com’è andato il primo weekend di libertà? Io sono rimasta a casa come un armadillo appallottolato, ma voi più socievoli spelacchiatini cos’avete combinato?
Fatemi sapere di tutto e di più, mi raccomando non incoronitevi e usate sempre le precauzioni!
Hasta la pasta!


Voi cos’avete visto di Lynch? Qual è il vostro preferito? Siate onesti e ditemi anche quanto Eraserhead vi ha disturbati in una scala da uno a tantissimo, perché io ancora ci penso e sono passati giorni.
Se poi qualcuno avesse da suggerirmi una cura miracolosa per l’insonnia lo nominerei ufficialmente Spelacchiato del Millennio, perché io qua sto un po’ uscendo di senno.

Pubblicato in: random, randomizzando, Senza categoria

Ciance sparse: insonnia, allenamenti e fine quarantena

Sono le quattro e mezza e io sono insonne e irritata. Mi giro e mi rigiro come un salmone nell’acqua bassa, ho attorcigliato le coperte così tanto che dovrò tagliarle per liberarmi.
Credo che solo chi soffre di insonnia possa capire il nervosismo da “che due coglioni vorrei dormire ma non riesco ma non posso fare niente se no sveglio tutti” che mi sta cogliendo in questo momento, sto per implodere nel mio letto, ora mi soffoco con un cuscino fino a che non perdo i sensi, eccheccazzo.
Chiedo venia per la sparizione dell’ultima settimana, ero un po’ in down emotivo e in quei momenti mi chiudo come un armadillo: non apro i social, non rispondo ai messaggi, mi limito a vegetare in attesa di momenti migliori. Divento una specie di foglia secca.

Come state voi Spelacchiati? Siete tutti impegnati a scrivere “qUaNtO Ci E’ cOsTaTa?” ovunque o passate il tempo a domandarvi perché il governo ci tenga lontani dal plasma, unica vera fonte di salvezza?

Ahhh mamma mia. La quarantena sta volgendo al termine e io sono una persona distrutta. Non voglio tornare alla vita vera e libera, i domiciliari mi donano molto.
L’altro giorno sono andata dai miei nonni e mi è bastato il tragitto in macchina per rendermi conto che la mia misantropia ha raggiunto nuove inarrivabili vette; ho passato il tempo a sclerare: “ma porca di quella puttana ma hai le strisce a due metri cosa mi sbuchi a cazzo da dietro una macchina, io ti stiro come una camicia, ti spiaccico come una gomam da masticare!” “Ma cosa minchia fate in otto fermi a parlare con le mascherine ovunque tranne che in faccia!?” “Ma tu vuoi morire? Stai andando a quindici all’ora, se scendo e cammino vado più veloce di te, DOVE CAZZO DEVI ANDARE” e così via.
Un viaggio isterico, non so come io abbia fatto a non scendere e picchiare qualcuno a caso solo per sfogarmi.

“Ma come Sara, non sei felice di poter rivedere i tuoi amici?
MAMMA CHE DOMANDE MI FAI
MA QUALI AMICI CHE SONO SOLA COME UN CANE, ANZI WENDY HA PIù AMICI DI ME
MA POI CHI VUOLE RIVEDERLi QUEI QUATTRO BISLACCHI
(Scherzo regà presto riceverete una medaglia al valore per la forza che dimostrate nel sopportarmi, però non ho davvero voglia di vedervi)
Burle a parte, io mi sono accorta che in isolamento stavo bene, benissimo, benerrimo. Ho realizzato che prima del lockdown avevo una specie di “frenesia da weekend“, ovvero mi sentivo quasi in dovere a trovarmi qualcosa da fare il venerdì e il sabato sera, avevo sempre la sensazione che se fossi rimasta a casa mi sarei persa qualcosa di figo.
Spero di riuscire a mantenere l’aplomb acquisita in questi quaranta(mila) giorni.

In tutto ciò mi sto riprendendo adesso dalla fine di “Fisico da Covid“, il format di Willwoosh e suo fratello Gabriele che mi ha iniziata (di nuovo) al fitness; all’ultima puntata vi giuro che mi sono messa a piangere, che devasto.
Sono però lieta di dirvi che sto continuando a fare allenamento ogni giorno: sono ancora un viscido mollusco con la consistenza della panza di Majin Bu grasso, però ho notato dei vaghi miglioramenti. Sembra quasi che io abbia un muscolo nelle braccia e che la cellulite sulle zampette sia diminuita, e i miei glutei sembrano un briciolo più sodi.
Vorrei comunque creare una petizione per abolire qualunque esercizio che serva a sviluppare gli obliqui (che io non sapevo neanche cosa fossero) perché ogni volta che provo a farli viene fuori tutta la mia indegna e assoluta incapacità fisica. Cerco di sollevarmi su un fianco e mi ribalto. Cerco di tenere la posizione e comincio a tremare come una foglia al vento di un tifone. A tal proposito, provate a fare la challenge degli squat “Sally up, Sally down” e ditemi come stanno le vostre gambe alla fine, perché io ogni volta mi ritrovo con due budini al posto delle zampe, tremolo in giro per casa per ore con i muscoli tutti indignati per lo sforzo a cui li ho sottoposti.

E ora, visto che ormai sono carica a pallettoni contro il mondo, entro in un discorso forse spinoso.
Mi sono imbattuta in un post qualche giorno fa. Post che diceva, più o meno, così: “Ma come si permettono i ragazzi a lamentarsi delle mascherine, che servono per la salute pubblica, quando noi dobbiamo indossare ogni giorno il reggiseno solo per farci guardare in faccia e non i capezzoli”.
Ora.
Sì, i reggiseni sono scomodi. Sì, il ferretto che ti si conficca nella carne e cerca di trapassarti da parte a parte è la cosa più odiosa del mondo. Sì, quando fa caldo e sudi e torni a casa che devi letteralmente strizzare il reggiseno intriso di sudore fa schifo, penso che su queste cose siamo tutti d’accordo e anche gli ometti devono darci atto della pazienza che ci tocca avere ogni giorno.
MA QUESTO NON VUOL DIRE CHE I PENE MUNITI NON POSSANO LAMENTARSI DI NIENTE NELLA LORO VITA, PERDINDIRINDINA! Ma che cazzo vuol dire, se non indossi il reggiseno non puoi piangiucchiare mai più per nessuna ragione al mondo? Ma guarda te.
“Gli uomini non hanno idea di cosa voglia dire essere una donna!” dicevano i commenti, tutti indignati.
Ma grazie al cazzo, io non saprò mai cosa voglia dire essere un cavallo, e quindi? Non è che vado dagli equini a fare la superiore, siamo cose diverse con problemi diversi! Io ho il reggiseno, loro c’hanno gli zoccoli ferrati, le briglie e il morso in bocca, mica è una gara.

E voi miei cari Spelacchiati come state? Come vivete questo pesudo ritorno alla vita? E cosa pensate di reggiseni, uomini, donne e cavalli?
Fatemi sapere di tutto e di più, io vedrò di tornare ad essere più presente qui sul blog!
Hasta la pasta, Spelacchiati!

Pubblicato in: random, randomizzando, Senza categoria

Gente che sclera: Sara L’AVVELENATA

No ragazzi oggi entro a gamba tesa inviperita come la matrigna di Cenerentola quando vede Cenerella al ballo, come Salvini che assiste a uno sbarco, come Marissa Cooper quando scopre che sua madre è andata a letto col suo ex.
Partiamo dal fatto che questa quarantena ha chiaramente dato di testa alla gente che già di solito non brilla per acume, in più io tra vicini completamente pazzi e social assediati da persone che non capiscono una minchia mi sono caricata come un Voltorb ed era solo questione di tempo prima che io esplodessi definitivamente.
Oggi.
Tabaccaio.
Ovviamente lui senza guanti né mascherina viene a dare un biscotto al mio cane -e già lì mi stavo alterando- mentre mi da le mie cazzo di sigarette attacca col pippone complottista; io ho chiamato a raccolta tutta la mia pazienza, tutta la mia civiltà e sono stata ad ascoltare in silenzio. Una donna sull’orlo dell’abisso.
A me tutta questa situazione puzza. Se posso dire la mia, è tutta una trovata politica della Cina, dell’America e della Russia ai danni dell’Italia. Non a caso siamo stati il primo paese dopo quello dei musi gialli a prenderci questo virus, sempre che esista davvero.
“Ma scusi, perché mai avrebbero dovuto ordire un piano così malvagio, degno del peggior cattivo Disney? Neanche Jafar arriverebbe a tanto… “
“Per far crollare la nostra economia, ovviamente! Stavamo diventando scomodi per qualcuno, e ora che noi entriamo in crisi loro possono comprare i nostri porti e aereoporti.”
Ragazzi, questa roba è andata avanti mezz’ora e non so che faccia io avessi durante questa conversazione delirante che ha toccato vette altissime quando ha tirato in ballo il 5G.

Questo dialogo mi ha fatto riflettere lungamente, e sono giunta alla conclusione di essere io a non aver capito un cazzo per tutto questo tempo. Ero come uno degli uomini del Mito della Caverna, ora finalmente vedo la verità.
E’ che non mi ero accorta del viaggio del tempo.
Non mi ero resa conto che fossimo nel 1800 e che le grandi potenze mondiali sono quelle che hanno gli sbocchi sul mare, non mi ero accorta fossimo tornati al momento delle città marinare (per scrivere sta stronzata mi sono dovuta fondere il cervello a ricordarmele tutte e quattro, Amalfi infame, neanche a scuola mi ricordavo di te).
MADONNA MIAAAA MA COME FACCIO IO A VIVERE IN QUESTO MONDO SENZA PASSARE IL TEMPO LIBERO A PRENDERE A TESTATE UNO SPIGOLO DEL TAVOLO?
MA CHI MINCHIA CALCOLA L’ITALIA, MA SIAMO SCOMODI A CHI, MA PER QUALE MOTIVO!? SIAMO TROPPO BELLI E ABBIAMO TROPPO SOLE E CIBO BBBBUONO? MA COSA SE NE FANNO DEI NOSTRI PORTI, NON FUNZIONA PIU’ COSì, PUOI COMMERCIARE ANCHE DA UN ISOLATO PEZZO DI TERRENO NEL KIRGHIZISTAN, COSA DICIIIII!?
MA IL 5G COSA, COSAAAA COSA FA, COSA TI TURBA, TU CHE AL MASSIMO GIOCHI A CANDY CRUSH MENTRE DOVRESTI LAVORARE COSA NE SAI DI INTERNET! COSA STAI A SINDACARE CON LE TUE OPINIONI NON RICHIESTEEEE COSA VUOIIIII PERCHE IO DEVO ARRABBIARMI ANCHE QUANDO VADO A COMPRARMI LE SIGARETTE, PORCA DI QUELLA VACCA?!

Scusate.
Mi inietto del valium.
Okay, ora mi sento meglio.
Dato che dai meravigliosi commenti che mi avete lasciato ho visto che siete tutti inviperiti quanto me ragazzi ora cavalco l’onda e proseguo con il mio flusso di disprezzo verso il genere umano, così mi libero di un po’ di veleno dalle mie zanne.

In questa incredibile quarantena ho scoperto molte altre categorie di persone detestabili, persone che vorrei acchiappare per la collottola e far esplodere loro il cranio come fa La Montagna con quel povero pirla di Oberyn ne Il Trono di Spade.

Sto parlando DELLE GUARDIE, gli sceriffi di quartiere, i mentecatti insomma.
Madonna mia, ragazzi.
Questi simpaticissimi impiccioni sono quelli che passano la giornata sul balcone pronti a rompere er cazzo a chiunque osi mettere il naso fuori di casa, pronti a chiamare gli sbirri perché hanno fatto della sorveglianza e della denunzia il loro motivo di vita; ‘ste vedette lombarde (ma anche piemontesi, pugliesi, sarde, sono spuntati ovunque come le muffe) sono quegli esseri senza una spina dorsale che hanno passato gli ultimi quarantacinque giorni a rompere il cazzo a tutti. Tutti.
Uno porta fuori il cane e quello spunta da un cespuglio “Guardi che questi sono duecento e un metro! POLIZIA!”, tu vai a buttare la spazzatura e ti ritrovi con la torcia puntata in faccia “Chi sei, cosa fai, dove vai, quanti siete? Un fiorino!”.
Sono quelli che indagano sul perché uno sia fuori casa facendo interrogatori che nemmeno a Guantanamo col water boarding.

Abbiamo poi assistito a cose al limite dell’assurdo, cose a cui io ancora non riesco a credere.
Gente che nasconde la fidanzata nel bagagliaio dell’auto per andare a farsi la scampagnata insieme (MA SIETE NORMALI?), gente che prende e va alla casa al mare (siete mentecatti eh, ma c’è un posto letto per me?), gente se ne sbatte il cazzo -piccolo e raggrinzito- di tutto tanto che mia zia si è ritrovata in ascensore con un malato di Covid accertato che, stufo di stare chiuso in casa perchè ha sintomi non gravi, si faceva le passeggiate per la palazzina, gente che ieri si è messa a ballare per la strada quando da festeggiare non c’è veramente un cazzo…
Ma andatevene tutti affanculooooooooo! Perché i panda si estinguono e voi no!?

E poi parliamo di queste minchia di autocertificazioni che per certe cose erano cristalline e per altre cose non si capiva un cazzo e tu stavi lì a stamparne duecento per poi doverne stampare la versione aggiornata mezz’ora dopo, con la stampante che è arrivata ad odiarti e ora appena ti avvicini si spegne e va in cortocircuito… La mia è traumatizzata, non si riprenderà mai più!
Forze dell’ordine dispiegate ad cazzum che ti fissavano in cagnesco qualunque sacrosanta cosa tu stessi facendo, simpatici come il sale nel caffè, che se chiedevi una delucidazione ancora un po’ e ti facevano inginocchiare e ti sparavano in testa…
No ma tutto bene. Tutto a posto. Siamo tutti pronti a tornare alla normalità.

Ragazzi, direi che per oggi mi sono sfogata abbastanza, che ne dite? Chiedo venia se beccarvi questo post polemico vi ha annoiati, io mi sento meglio ora che ho esternato un po’ di odio.
Voi chi avete odiato di più in questa fase uno di quarantena? Qual è la teoria complottistica più assurda che abbiate sentito? Siete anche voi convinti che il 5G sarà la rovina del genere umano e che le radiazioni ci trasformeranno tutti in popcorn umani?

Ora torno a guardarmi le live del Cerbero Podcast, che ormai è la mia unica fonte di intrattenimento. Mi sparo duemila ore di podcast al giorno.
Alla prossima, miei cari Spelacchiati!


Pubblicato in: random, Senza categoria

Tag: 25 domande sui libri!

Ma buongiorno miei cari (o economici, devo ancora capirlo) Spelacchiati, come va? Come state? Sentite odore di libertà vigilata? Avvertite la Fase 2 nell’aere? Sentite anche voi quel senso di “non cambierà un cazzo ma con un nome diverso“? Anche voi vi domandate tra quanto si tornerà alla fase 1 perché nessuno sarà in grado di mettere in atto le regole di igienizzazione e distanziamento?
Ma magari mi sbaglio ragazzi, magari sono solo una bisbetica malpensante (quelle poche volte che penso penso pure male, che disgraziata che sono).
Vorrei prima di tutto ringraziarvi dal più profondo del mio cuoricino nero e duro come la pietra perché i vostri commenti sotto l’ultimo post oltre a farmi morire dal ridere mi hanno rincuorata molto: non sono l’unica che punta all’estinzione dell’umanità! Grandi. Vi amo.

Oggi vi beccate un tag libresco grazie a Il Blog di Tony che mi ha very gentilmente taggata e che ringrazio assai!

tag sui libri

Regole:

1- Nomina almeno 5 blog a cui fare le domande. 

2- Cita sempre chi ha creato il Book Tag: Racconti dal passato. 

3- Nomina e ringrazia il logo che ti ha nominato

4- Usa come immagine quella sopra

E ora vi sorbite le mie risposte!

  1. Come scegli i libri da leggere?
    Come per le bacchette, non è il lettore a scegliere il libro, è il libro a scegliere il lettore… O almeno a me spesso sembra sia proprio così, quando me ne sto davanti alla libreria per decidere cosa leggere ripenso alle trame e seguo l’ispirazione che mi coglie sul momento.

2. Dove compri i libri: in libreria o on-line?
Io i libri li compro ovunque, onestamente. Libreria, online, bar delle stazioni, bancarelle, negozi dell’usato con la sezione libri, eventi libreschi, potessi comprarli anche dal panettiere e al bar lo farei (e poi finirei effettivamente sotto ad un ponte).

3. Aspetti di finire la lettura di un libro prima di acquistarne un altro oppure hai una scorta?
*Ride istericamente con un tic all’occhio*
Ragazzi, io sono come uno scoiattolo con le ghiande, accumulo libri nella mia tana come fanno questi roditori con le ghiande.
Non so se mi basterà una vita a leggere tutti quelli che ho accumulato e che continuerò comunque imperterrita ad accumulare.

4. Di solito quando leggi?
Non ho un vero momento da lettura ultimamente, se il libro mi prende molto la domanda giusta è “quando non leggi?”. In genere primo pomeriggio e tarda serata sono appuntamenti fissi coi libri, poi con la mia simpatica insonnia a volte sto su tutta la notte.

5. Ti fai influenzare dal numero delle pagine quando compri un libro?
Assolutamente sì, quando si tratta di libri le dimensioni contano.
Mi piace leggere romanzi molto lunghi così mi ci posso immergere come se fosse una Jacuzzi, e parlando di pecunia mi sembra più sensato spendere grano per un libro di ottocento pagine che per uno di duecento.
Sara dePaperoni, piacere.

6. Genere preferito?
Forse classici, ma leggo tutto ciò che non siano romanzi rosa e young adult.

7. Hai un autore preferito?
No ma i primi autori che amo che mi vengono in mente sono Paul Auster, J.R.R.R.R.R.R.R.R Tolkien e Donna Tartt.

8. Quando è iniziata la tua passione per la lettura?
Mmh.
Non lo so. Non riesco a pensare a un momento della mia vita in cui non ci fossero libri o fumetti con me, grazie ai miei genitori. Partendo da quei libretti quadrati delle fiabe, passando per Topolino e Geronimo Stilton, sbarcando su Harry Potter e poi prendendo il volo con tutto il resto.

9. Presti libri?
Lasciamo perdere, va.
STO ANCORA ASPETTANDO CHE ME NE TORNINO DUE, MIEI VISCIDI AMICI

10. Leggi un libro alla volta oppure riesci a leggerne diversi insieme?
Sono una mente troppo semplice (leggasi: stupida) per leggerne più contemporaneamente a meno che non siano generi completamente diversi (tipo una biografia e un romanzo, o non fiction in generale e fiction).

11. I tuoi amici/familiari leggono?
Mia mamma leggeva molto, e anche mio nonno. Nessun altro però, quindi non capiscono la mia passione ma la assecondano. Come si fa con i pazzi.

12. Quanto ci metti mediamente a leggere un libro?
Non ho una media, dipende da duemila fattori, tipo il mio umore e quanto mi prende il libro. Posso metterci mezza giornata come due mesi.

13. Quando vedi una persona che legge, ad esempio sui mezzi pubblici, ti metti immediatamente a sbirciare il titolo del suo libro?
Assolutamente sì, e se approvo elargisco sorrisi e magari pure qualche commento sul libro, altrimenti mi limito a scuotere mestamente la testa.
Nel periodo di “50 sfumature di grigio” o “After” avevo sviluppato tantissimo i muscoli del collo, ero diventata un toro.

14. Se tutti i libri del mondo dovessero essere distrutti e potessi salvare uno soltanto quale sarebbe?
Non so se potete capire il panico in cui mi gettano domande come questa.
Io dico la saga di Harry Potter sia perché ha un valore affettivo ENORME sia perché c’è di tutto in quella saga e mi sembra di poterla rileggere all’infinito.

15. Perchè ti piace leggere?
Perché sono un’asociale, misantropa, perennemente infastidita dal mondo che mi circonda e dalla gente ordunque mi rifugio nel mondo dei libri.

16. Leggi libri in prestito (dagli amici o dalla biblioteca) o solo libri che possiedi?
Biblioteca compagna di una vita. Con i libri di amici vivo con il terrore di rovinarli (non che gli altri si pongano questo problema con i miei, di libri. Grrr.) ma è sempre un dramma riportare indietro quelli che mi sono piaciuti.

17. Qual è il libro che non sei mai riuscito a finire?
I Pilastri della Terra.
Ragazzi… che due maroni.
Prima o poi lo finirò ma cazzo tre volte l’ho iniziato e tre volte l’ho mollato prima di pagina duecento con le balle cadute al pavimento.

18. Hai mai comprato un libro solo perché aveva un bella copertina, e cosa ti attrae in una copertina di un libro?
Quando ero una ragazzetta che leggeva young adult sì, le copertine più cupe mi attiravano come una lampadina attira le falene, ora che devo gestire le mie finanze in maniera oculata e oculistica non posso permettermi di comprare strunzate.

19. C’è una casa editrice che ami particolarmente e perché?
Mmh. Vorrei leggere tutto il catalogo Adelphi, quindi direi quella.

20. Porti i libri dappertutto (ad esempio in spiaggia o sui mezzi pubblici) o li tieni al sicuro dentro casa?
Purtroppo li porto ovunque per poi pentirmene quando in qualche modo finisco col rovinarli, mannaggia a me.

21. Qual è il libro che ti hanno regalato e che hai gradito maggiormente?
L’edizione della Mondadori diviso in tre libri de I Miserabili, forse. Ma anche Shantaram da mia sorella e Cara Zelda, Carissimo Scott

22. Come scegli un libro da regalare?
Adoro regalare libri ma è molto difficile; se io e il festeggiato abbiamo gusti simili gli regalo qualcosa che a me è piaciuto tanto (“Dio di illusioni” di Donna Tartt l’ho regalato più volte, sempre molto apprezzato) se no cercando di seguire le sue passioni.

23. La tua libreria è ordinata secondo un criterio, o tieni i libri in ordine sparso?
Come ogni cosa nella mia vita è lasciata completamente allo sbando.

24. Quando leggi un libro che ha delle note, le leggi o le salti?
Dipende. Da che dipende? Da che punto guardi il mondo tutto dipendeeee
Scusate, volevo dire che dipende da un po’ di fattori: quanto sono lunghe le note? Quanto sono importanti ai fini della lettura? Ho voglia in questo momento di stoppare l’azione nel libro?

25. Leggi eventuali introduzioni, prefazioni o postfazioni del libro o le salti?
In genere le leggo a meno che non siano pipponi autoreferenziali dell’autore delle prefazioni/postfazioni.

Voilà, madames et monsieurs, spero di non avervi annoiata e che queste domande! Invece di taggare cinque blog io taggo chiunque abbia voglia di farlo, sia qui sotto nei commenti che sul vostro blog, in caso ovviamente linkatemi il vostro post che sono curiosa delle vostre risposte!
Alla prossima, Spelacchiati!

Pubblicato in: random, randomizzando, Senza categoria

Gente che sclera: Anziani ai tempi del Covid19


*Esce dal sepolcro come qualcuno di molto più famoso e barbuto fece anni or sono*
Dopo giorni di isolamento impostomi dal mio umore veramente basso sto tornando lentamente ad avere ritmi e sembianze quasi umane.
Voi come state?
Come ve la passate?
Siete ansiosi di ricongiungervi ai vostri congiunti, ai vostri congiuntivi e alla vostra congiuntivite?
A me che sono sola come Drogon alla fine del Trono di spade non cambia niente, rimango nella mia fortezza della solitudine ad allenarmi

Non so voi ma io sto raggiungendo un livello di intolleranza alla gente molto preoccupante. In una scala da uno a Jack Lo Squartatore io sono a livello Jack Torrance, datemi un’accetta e accetterò il mondo.

The Shining GIF - TheShining Axe JackNicholson - Discover & Share GIFs

Posso fare un calmo e pacato sfogo dei miei, prima che io esploda in milioni e milioni di particelle furenti?

Oggi vorrei rivolgermi ai triceratopi che ancora popolano la nostra terra, a quegli esseri apparentemente millenari che ben lungi dal lasciare il nostro mondo continuano a trovare modi sempre nuovi per sfracellarci le parti intime a noi tanto care; parlo, ovviamente, DEI VECCHI.
Madò.
Ragazzi qua vado a ruota libera, non me ne vogliate. Ho ancora tutti e quattro i nonni ma mi rendo conto che per chi non è un loro familiare siano una piaga, ci vuole oggettività nelle cose.
ALLORA.

Questi anziani figuri escono senza mascherina, senza guanti, senza cervello, vanno al supermercato circa sedici volte al giorno e se ne sbattono le chiappe -ormai tristemente flosce e cadenti- della distanza di un metro e dei segni per terra per far capire ai clienti dove minchia devono stare. Loro, umanoidi più di là che di qua, tossicchiano, sputacchiano, prendono le mele e ogni frutto per esaminarlo da ogni angolazione alla ricerca di non so quale segno divino. Io scriverei “SEI UN PIRLA” su ogni singola banana, pera, arancia, giusto per ricordargli la loro natura, lavorassi in un market.

L’altro giorno ero al supermercato a fare i miei centocinquanta euro di spesa (cerchiamo di andare una volta ogni dieci giorni/due settimane) e sto vecchio infame arriva in cassa dopo di me E APPOGGIA IL SUO CAPPELLO SUL RULLO DELLA CASSA.
Io e la cassiera eravamo così: O_O
Quando gli ha fatto notare il suo depensaggio lui ha risposto tutto tronfio “l’ho sempre fatto, cosa cambia adesso?” CAMBIA CHE SE NON LO LEVI IMMEDIATAMENTE IO TI PRENDO, TI DISSEZIONO E VENDO I TUOI ORGANI ORMAI RINSECCHITI, OKAY?
TI DO TRE SECONDI DOPODICHE DOVRANNO VENIRE A CERCARE I TUOI PER NIENTE AMABILI RESTI AL MERCATO NERO DI COLORE.
SEI UN PEAKY BLINDER? SEI THOMAS SHELBY? EH? NON VEDO LE OCCHIAIE CHE TI SCAVANO LE ORBITE NE’ LE LAMETTE SULLA VISIERA QUINDI TORNA NEL TUO GUSCIO, VECCHIA TESTUGGINE.
Poi c’era una vecchia infingarda che invece di starsene dietro a quella straminchia di linea gialla al reparto macelleria continuava ad avvicinare il suo becco da rapace al bancone e puntava col dito contro al vetro mentre il povero addetto non sapeva più come dirle di starsene indietro. Madò, io uscirei di testa dopo quattro secondi, non potrei MAI avere contatto col pubblico in questo momento storico.

Ragazzi, io ve lo dico: GIURO CHE SE MI PRENDO IL CORONAVIRUS VADO A CERCARLI TUTTI, T U T T I.

Okay, mi sento meglio.
Ho appena finito di guadare E.T L’Extraterrestre e ho pianto ogni mia lacrima, ora penso andrò nei boschi a cercare cuccioli di alieni abbandonati.
Voi che fate? Cosa mi raccontate? Sbizzarritevi con i vostri sfoghi sulla gente fastidiosissima in tempo di quarantena, io sento che potrei andare avanti per ore ed ore.
Grazie mille per tutti i commenti all’ultimo post. Vi voglio bene.
Alla prossima!

Pubblicato in: depressione, Senza categoria

Depressione&Dintorni: dannato o benedetto tempo per riflettere

Buondì miei cari Spelacchiati, come state?
Dopo tanti post cretini oggi vorrei farne uno un pochito più serio, spero non me ne vogliate a male.

Temevo che avere così tanto tempo da passare con me stessa senza grandi distrazioni potesse portarmi ad un picco di depressione notevole, invece mi sto scoprendo molto più rilassata lontana dalla vita “normale”. Allo stesso tempo però mi sto rendendo conto di tante cose, e che tante cose ho sempre cercato di nasconderle, incapace di esprimerle.

E’ quindi il momento di fare un bagno di onestà.

Ho preso un’agenda e sto scrivemdo.
Scrivo tutto quello che non sono ancora mai riuscita a dire alla mia psicologa, cose di cui mi vergogno enormemente, cose che mi hanno fatta soffrire, cose che cerco costantemente di ricacciare indietro in qualche anfratto buio del mio cervello sperando che si dissolvano e spariscano per sempre. Queste cose però sono come la muffa, ovvero fanno schifo e prolificano se non le tratti; sono come delle blatte che scorrazzano qua e là, e io mi sono sempre limitata a sperare che se ne stessero rintanate sotto un mobile,che non facessero rumore e non si facessero vedere.
Ma sono sempre lì e sono sempre più grandi, si autoalimentano, si trasformano, si distorcono nella mia mente diventano pensieri torbidi e quasi ossessivi, come se cercassero in tutti i modi di venire fuori, di essere liberati e ascoltati, anche se liberarli ed ascoltarli mi terrorizza.

Sto parlando di ricordi di molto tempo fa, cose che sono rimaste immagazzinate da qualche parte del mio cervello che ha rielaborato il tutto e continua a farlo in maniera a volte palese a volte subdola. Ah, che pazienza con questo cervelletto che mi ritrovo.

Tutte le cose che sto scrivendo mi fanno sentire a disagio. Mi sento fondamentalmente stupida, in imbarazzo, e non so se avrò mai davvero il coraggio di far leggere alla mia Psycho le parole che sto scrivendo in questi giorni; sono cose che non ho mai detto a nessuno, parole che non ho mai e poi mai pronunciato ad alta voce.

Perché vi dico tutte queste cose strambe e probabilmente noiose? Perché sono pazza e perché spero che possiate trarre qualcosa da questo post e che possiate cercare di fare un po’ della più sincera autoanalisi delle vostre ombre, di quelle cose che vorreste nascondere sotto la sabbia e poi prendere quella zolla di sabbia e spedirla su Marte e poi far esplodere il pianeta.
So quanto sia difficile ma mi sto rendendo conto che a volte fare quello che ci spaventa è di aiuto.

Insomma ragazzi, scusate per questo post un po’ strano, un po’ inutile, un po’ fumoso, ma avevo io in primis bisogno di scrivere queste cose e di condividerle con voi, che ormai siete i miei confidenti di fiducia. Poveri voi!

Spero che i miei Spelacchiati se la stiano passando bene, fatemi sapere come butta da voi e se questa quarantena vi sta facendo riflettere o accorgere di cose che prima non avevate il tempo di notare.
Hasta la vista, a presto con nuovi post più leggeri di questo!